Amazon svela ufficialmente il suo robot per le consegne Scout

Amazon Scout

Amazon ha presentato Scout, un robot dotato di ruote in grado di effettuare le consegne dei prodotti acquistati online in autonomia

Amazon ha un rapporto molto stretto con i robot, soluzioni che gli consentono di migliorare sensibilmente la logistica e ridurre costi e tempi di consegna. Per questo l’azienda leader nel campo dell’e-commerce ha sviluppato nei suoi laboratori di ricerca di Seattle una nuova tecnologia battezzata Scout, ovvero un piccolo robot in grado di portare qualsiasi prodotto dal magazzino al domicilio dell’utente in sicurezza. Il dispositivo è dotato di un piccolo frigo e di uno scompartimento in cui alloggiare la merce. Scout si muove agevolmente in città grazie a 6 ruote e a un efficiente sistema di sensori che gli consente di evitare ogni ostacolo. Amazon per salvaguardare l’ambiente ha anche pensato di dotarlo di un motore elettrico. L’utente deve solamente acquistare ciò che gli serve online e aspettare che Scout arrivi davanti alla sua porta.

Il colosso fondato da Jeff Bezos, che ha lanciato il suo Echo Input in Italia, ha avviato una prima fase di test in un quartiere dalla conte di Snohomish, a Washington. Per questa sperimentazione sono stati predisposti solo 6 Scout che verranno comunque costantemente seguiti da un dipendente di Amazon. Questi si muoveranno solo sui marciapiedi a velocità ridottissima per ragioni di sicurezza ed effettueranno le consegne unicamente dal lunedì al venerdì nelle ore diurne. Il gigante del commercio elettronico è sempre alla ricerca di soluzioni nuove per fornire ai suoi utenti un servizio più efficiente ma nel caso di Scout è arrivato in ritardo rispetto alla concorrenza. Anche Domino’s e PepsiCo hanno infatti già testato i propri robot per le consegne. Amazon invece ha dettato la strada per quanto riguarda i droni. I velivoli comandati da remoto del sito di e-commerce sono già in volo nel Regno Unito e negli USA, anche se il servizio non ha ancora debuttato ufficialmente.

Leggi anche:  Pixel 4 resta un mistero: sarà uno smartphone low cost Dual SIM?