Apple taglia parte del team dedicato alla Apple Car

Apple Car

Apple avrebbe tagliato 200 persone che si occupano della realizzazione della Apple Car per concentrarsi su altri progetti più facili da gestire

E’ ormai risaputo che Apple lavora a un progetto legato alla guida autonoma conosciuto come Project Titan. All’inizio sembrava che la Mela volesse realizzare una Apple Car vera e propria, ovvero un’automobile in tutte le sue parti, ma durante la fase di sviluppo si è deciso di concentrarsi sui sistemi per la scansione dell’ambiente esterno come Lidar e videocamere. L’azienda di Cupertino ha ottenuto le autorizzazioni per testare la sua tecnologia su strada e una persona è stata addirittura arrestata per aver sottratto al colosso statunitense i segreti della sua piattaforma. Nonostante i molti chilometri percorsi e gli investimenti fatti, pare proprio che il progetto abbia comunque subito un ulteriore stallo. CNBC afferma che il team dedicato alla Apple Car è stato tagliato di 200 unità, anche se il progetto non è stato cancellato ufficialmente.

Un portavoce del colosso di Cupertino ha confermato che c’è stato un riassetto a livello di personale all’interno del gruppo di lavoro ma che non ci sono stati veri licenziamenti. Questa scelta potrebbe essere un effetto del crollo in Borsa delle scorse settimane che ha portato ad una perdita di 400 milioni di dollari di capitalizzazione e provocato anche dalla contrazione della domanda di iPhone in Cina. Apple sembra quindi decisa a mettere in stand by la guida autonoma per qualche tempo e concentrarsi su settori più remunerativi come il machine learning. “Abbiamo un team incredibilmente talentuoso che lavora su sistemi autonomi e tecnologie associate presso Apple. Mentre il team concentra il proprio lavoro su diverse aree chiave per il 2019, alcuni gruppi vengono trasferiti a progetti in altre parti dell’azienda, dove supporteranno machine learning e altre iniziative, in tutta Apple”, ha detto il portavoce della multinazionale fondata da Steve Jobs.

Leggi anche:  Microsoft ha inserito uno storage in una sequenza DNA crittografata