L’idea della Apple Car arriva da Steve Jobs

L’idea di costruire un’automobile sarebbe venuta a Steve Jobs nel 2008. Il co-fondatore di Apple ne parlò con Tony Fadell

Mentre Google continua i suoi test per le sue autonomous car, che ora sono in grado di adottare un comportamento più prudente quando ci sono bambini nelle vicinanze, arrivano nuove indiscrezioni in merito alla Apple Car. Tony Fadell, uno dei creatori del primo iPod, ha rivelato a Bloomberg che l’idea di una vettura Made in Cupertino risale addirittura al 2008, anche se ovviamente non si parlava ancora di guida autonoma. La proposta arrivò dal defunto CEO Steve Jobs, che in più di un’occasione aveva chiesto: “Se dovessimo costruire un’auto, come sarebbe? Che design per cruscotto e sedili? Come sarebbe alimentata?”. Il progetto dell’automobile non sarebbe poi decollato perché a quel tempo “l’industria dell’auto di Detroit era quasi morta”. Tre anni fa, durante una testimonianza in tribunale, il numero uno del marketing di Apple, Phil Shiller, aveva invece dichiarato che l’idea di costruire una vettura è precedente al lancio del primo iPhone nel 2007.

TI PIACE QUESTO ARTICOLO?

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato.

Al momento si sa poco o nulla della Apple Car. Il veicolo a guida autonoma, conosciuto come Project Titan, dovrebbe essere presentato nel 2019 e pare avrà un prezzo non proprio popolare. In realtà ancora non è chiaro se si tratta di una vera o propria vettura o di un ecosistema software per permettere al mezzo di muoversi senza l’ausilio di un conducente. Al momento l’unica cosa certa è che Apple sta lavorando ad un progetto legato al mondo dell’automotive e che ha assunto diversi ex dipendenti di General Motors e Tesla. A tal proposito Elon Musk, CEO dell’azienda leader nel mercato delle vetture elettriche, aveva inizialmente criticato la Apple Car con parole piuttosto forti, salvo poi tornare sulla questione con toni meno aspri.

Leggi anche:  Minsait contribuisce a ridurre gli incidenti che coinvolgono gli uccelli nei parchi eolici grazie all'AI