R1, il robot dell’IIT che ti aiuta nella quotidianità

r1 robot iit

R1 è un robot dell’Istituto Italiano di Tecnologia che aiuterà le persone a svolgere le proprie faccende quotidiane in ambito domestico

Il Giappone è la patria dei robot ma anche in Italia ci sono delle eccellenze per quanto riguarda questa tecnologia. Ieri l’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) ha presentato R1 “Your Personal Humanoid”, il primo robot commerciale Made in Italy che nel prossimo futuro aiuterà l’uomo a svolgere le proprie faccende quotidiane.

R1 si sposta su due ruote ed è dotato di 28 motori che gli consentono di muovere la parte alta del busto, la testa e soprattutto le sue braccia allungabili. Queste, a differenza del robot Pepper, sono dotate di mani sensibili con pelle artificiale e sono in grado di raccogliere e manipolare gli oggetti. R1 è inoltre dotato di numerosi sensori e interagisce con l’uomo tramite una comunicazione non verbale basata sulle espressioni, che possono essere visualizzate su un display Led a colori. R1 si distingue da altre soluzioni come iCub per una intelligenza artificiale sviluppata insieme al corpo.

“A differenza della maggior parte dei team che conducono studi sull’intelligenza artificiale noi sviluppiamo le capacità del robot lavorando direttamente sul prototipo. È questa la cosiddetta “cognizione incorporata” cioè l’idea, supportata dalle evidenze neuroscientifiche, che la cognizione, anche la più astratta e simbolica, non sia indipendente dal corpo che la implementa”, ha spiegato il vicedirettore dell’IIT, Giorgio Metta.

Per realizzare R1 sono stati necessari fondi per 1 milione di euro e un team di 22 scienziati e tecnici dell’IIT che hanno lavorato per 16 mesi. Il prossimo passo sarà implementare il software del robot in modo da consentirgli di svolgere funzioni di supporto e assistenza all’uomo. Al momento il prototipo di R1 costa 50mila euro ma entro 18 mesi potrà essere commercializzato su larga scala, cosa ne abbasserà il prezzo intorno ai 3mila euro. Entro 15 anni l’IIT è convinto che robot come il suo diverranno la normalità nelle case di tutto il mondo.

Leggi anche:  Heaxel: la robotica al servizio della riabilitazione

[ot-video type=”youtube” url=”TBphNGW6m4o”]