Apple acquista RealFace per il riconoscimento facciale

apple realface

Apple ha acquisito RealFace, startup israeliana che potrebbe aiutarla a integrare il riconoscimento facciale in iPhone 8

In molti sono convinti che in futuro Apple proporrà una nuova forma di autenticazione ai suoi utenti. La Mela sembra decisa a eliminare il tasto Home e anche il Touch ID potrebbe fare la stessa fine. Gli indizi in effetti sono numerosi e oggi si scopre che l’azienda di Cupertino potrebbe aver acquisito la startup israeliana RealFace specializzata in riconoscimento facciale e machine learning. Secondo la stampa locale, l’operazione, che come al solito non è stata confermata da Apple, si aggirerebbe sui 2 milioni di dollari.

RealFace ha realizzato una tecnologia che combina riconoscimento facciale a tre dimensioni con l’intelligenza artificiale. Il suo sistema consente infatti di identificare i soggetti con una percezione molto simile a quella umana e cogliere quelle sfumature che solo un occhio vero e proprio riesce a riconoscere. Inoltre, grazie al machine learning la tecnologia si evolve e impara a ogni utilizzo. La piattaforma è già stata integrata con successo nell’app Pickeez, utilizzata per condividere in automatico sui social network solo le foto più belle. Sia il sito di Realface sia quello del suo software sono al momento non raggiungibili e ciò potrebbe essere una conferma dell’avvenuta acquisizione.

[ot-video type=”youtube” url=”UlxCaT-zzvQ”]

Un altro indizio che Apple stia effettivamente pensando a nuove forme di autenticazione è arrivato con l’acquisto prima di PrimeSense e poi di Emotient, per non parlare poi di alcuni brevetti emersi nel corso dei mesi. La Mela avrebbe pensato quindi a due soluzioni: una “Function Area” in sostituzione del tasto Home con un sistema di lettura delle impronte integrato sotto lo schermo o una tecnologia di mapping 3D del volto integrata nella fotocamera dello smartphone. La novità non sarà comunque pronta prima del lancio di iPhone 8, che molto probabilmente avrà un costo superiore ai mille dollari a causa di tutte le innovazioni che lo caratterizzeranno.

Leggi anche:  Università di Genova adotta tecnologia di stampa Canon a sostegno delle attività