Amazon Go potrebbe sbarcare in Europa

Amazon Go presto accetterà banconote

Amazon Go, il negozio automatizzato in cui basta lo smartphone per fare la spesa, potrebbe aprire anche in Europa

Lo scorso dicembre Amazon ha presentato un progetto che in teoria potrebbe rivoluzionare in modo definitivo il settore dell’acquisto al dettaglio. Amazon Go è infatti il primo negozio senza personale alle casse o code e dove tutto è automatizzato. Grazie a una serie di appositi sensori e al machine learning si potrà fare la spesa con lo smartphone in modo rapido e veloce. L’utente deve semplicemente scaricare l’apposita app e mettere ciò che gli serve nel carrello. L’intelligenza artificiale integrata nel sistema scannerizzerà i prodotti in automatico e quando arriverà il momento di pagare il costo della spesa verrà scalato direttamente dal credito legato al proprio account Amazon senza dover far nulla.

Amazon Go è al momento in fase di sperimentazione da parte dei dipendenti del colosso dell’e-commerce a Seattle ma stando a quanto riferisce Bloomberg il negozio del futuro potrebbe debuttare presto anche in Europa. L’azienda di Jeff Bezos avrebbe infatti depositato presso l’ufficio per la proprietà intellettuale del Regno Unito ben quattro slogan utilizzati in precedenza per promuovere Amazon Go negli USA. Un esempio è: “No code, no checkout (no sul serio!)”. Pare che l’Intellectual Propriety Office abbia già approvato i claim mentre la corrispondente agenzia dell’Unione Europea (EUIPO) li starebbe ancora esaminando.

Al momento non è ancora dato sapere quando Amazon Go sbarcherà sul Vecchio Continente anche perché ufficialmente non ha ancora aperto neanche negli Stati Uniti. Amazon ha infatti riscontrato diversi problemi nella tecnologia che regola i processi del suo negozio e l’apertura prevista per la fine di marzo è stata rinviata a data da destinarsi. Amazon Go al momento pare si trovi in grande difficoltà quando deve gestire più di 20 clienti e gli ingegneri di Jeff Bezos, che inaugurerà la nuova avveniristica sede l’anno prossimo, non hanno ancora trovato la soluzione al problema.

Leggi anche:  Apple, nessun iMac Pro fino al 2023