Aggiustare lo schermo dell’iPhone? Più semplice con la riparatrice ufficiale di Apple

Centinaia di macchine verranno installate anche presso centri di assistenza terzi così da rendere più veloce la riparazione degli smartphone

Chi deve riparare lo schermo dell’iPhone sa di avere due chance. La prima è sborsare un bel po’ di quattrini presso l’Apple Store per tornare a casa con un dispositivo rigenerato oppure in attesa di sostituzione della parte danneggiata (comunque mai gratis se non con l’assicurazione ad-hoc)); la seconda è recarsi presso un negozio di terze parti e cercare di ottenere un buon prezzo, così da contenere la cifra da pagare. La Mela ha deciso di intervenire in questo delicato settore di assistenza, creando un’altra alternativa che potrebbe risolvere ben più di un problema. Entro la fine del 2017 la compagnia manderà in giro per gli USA circa 400 macchine riparatrici, specializzate nella sostituzione e installazione dei display dell’iPhone. Queste supporteranno il lavoro sia dei centri autorizzati che di quelli multimarca, velocizzando i tempi necessari e abbattendo (si spera) i costi.

Retail tra tutti

Tra i primi destinatari vi è la catena Best Buy, da tempo rivenditrice di prodotti Apple e che annovera già, per la filiale di Miami, una macchina riparatrice ufficiale. Finora l’azienda aveva fortemente limitato l’aggiustamento degli schermi dei suoi telefonini, avvalendosi della possibilità solo presso gli Store. Dopo l’avvio normativo in otto paesi degli Stati Uniti della legge conosciuta come “diritto alla riparazione”, che obbliga i produttori a fornire agli specialisti le indicazioni su come intervenire su oggetti e gadget elettronici per fini di assistenza, le cose sembrano essere cambiate. Il compromesso avviato da Apple segue la strategia di aprire all’esterno, ma non troppo, il know-how circa l’assemblaggio degli iPhone. Attraverso l’implementazione degli strumenti di riparazione, la Mela si assicura di poter ancora gestire gran parte delle richieste di supporto post-vendita, mantenendo i punti di contatto con i negozi abilitati e fornendo un servizio di qualità su scala più ampia.

Leggi anche:  Aerospazio: tecnologia Exprivia per il satellite Copernicus che monitora livello del mare