Il Galaxy S9 si presenta in nuovi video

Non direttamente almeno ma attraverso le sue funzionalità: ripresa in HD slow-motion e creazione di emoticon in stile iPhone X

Più ci avviciniamo al 25 febbraio, giorno della presentazione del Galaxy S9 e Galaxy S9+, e più emergono in rete nuovi particolari. Questa volta è la stessa Samsung a incrementare l’interesse intorno alla prossima famiglia di smartphone, pubblicando tre video su YouTube. Il canale di riferimento è quello coreano ma ovviamente le indicazioni valgono per i tutti i prodotti a livello globale. Le uniche differenze che distinguono gli attuali S8 e Note8 tra i mercati sono la presenza di un processore Snapdragon (in Oriente e USA) o Exynos (in Europa) e il supporto alla lingua locale di Bixby, che ad oggi parla solo inglese, coreano e cinese. Prima o poi arriverà l’italiano? Si, ma con tutta probabilità non prima del 2019.

[ot-video type=”youtube” url=”https://www.youtube.com/watch?v=GFNwvbgJUlE”]

Le nuove funzioni

Come detto, tre filmati di pochi secondi mostrano cosa è in grado di fare il Galaxy S9, almeno dal punto di vista fotografico. Il focus è sulla modalità di ripresa in super slow-motion, che permette di catturare video al rallentatore in alta qualità e su un possibile nuovo sistema di focalizzazione dell’ambiente in cui, anche con scarse condizioni di luce, si dovrebbero ottenere scatti nei quali si può ancora distinguere un soggetto in primo piano dallo sfondo, tramite il rinomato effetto bokeh. La tecnologia di derivazione è la stessa a bordo della doppia camera posteriore del Note8 ma con un avanzamento tecnico dei sensori Isocell, usati da Samsung già su diverse generazioni di smartphone.

[ot-video type=”youtube” url=”https://www.youtube.com/watch?v=GthDneoSuSI”]

L’ultimo filmato mostra una caratteristica del tutto ludica, derivata da quella dell’iPhone X. Tramite la fotocamera frontale, quella per i selfie, si potrà trasformare il proprio volto in cartone animato, in pratica una emoticon. Apple aveva usato per la medesima funzione a bordo di Ten il termine animoticons; di certo Samsung se ne inventerà un altro, almeno per distinguersi.

Leggi anche:  Galaxy Note 20, Samsung si lascia sfuggire un’immagine