Huawei conferma l’interesse per la ricarica wireless

Huawei non realizzerà un suo sistema operativo
Huawei ha confermato che non intende realizzare un sistema operativo alternativo ad Android

Huawei sta lavorando a un sistema di ricarica senza fili per i suoi smartphone nei propri laboratori. La nuova tecnologia potrebbe essere svelata a breve

Molti produttori di smartphone hanno integrato nei loro prodotti dei sistemi di ricarica wireless. La prima tra le grandi aziende del settore a introdurre questa tecnologia è stata Samsung e in seguito anche la concorrenza ha deciso di seguire il suo esempio. Apple insieme a iPhone X ha presentato il dock di ricarica AirPower, che nonostante alcuni problemi in fase di produzione dovrebbe arrivare nei negozi nei primi giorni di aprile. Huawei invece non ha mai dimostrato interesse per questo tipo di sistemi, almeno fino ad oggi.

L’azienda cinese, uno dei pochi produttori a ottenere risultati commerciali positivi nel trimestre scorso, pare abbia cambiato idea riguardo alla ricarica wireless e la conferma è arrivata durante una conferenza diretta dai consorzi AirFuel Wireless Power e WPC Wireless Charging Alliance. Huawei sembra intenzionata a sfruttare i protocolli Qi e AirFuel per il suo sistema di ricarica senza fili e starebbe già lavorando al progetto nei suoi laboratori Watt Lab. L’obiettivo è quello di proporre una piattaforma in grado di ridare energia alle batterie di più dispositivi in contemporanea in modo simile alle soluzioni offerte da Apple e Samsung.

Huawei difficilmente svelerà questa tecnologia in tempi relativamente brevi ma i fan del brand cinese possono comunque consolarsi con il debutto ufficiale di Huawei P20, lo smartphone in grado di competere con una Reflex. Il top di gamma verrà presentato a Parigi durante un evento dedicato il 27 marzo prossimo e pare presenterà ben 3 fotocamere posteriori e un notch simile a quello di iPhone X. Non ci sono invece conferme per quanto riguarda la presenza già su questo modello di un assistente personale proprietario.

Leggi anche:  Un futuro ibrido per Canon