Huawei P40 Pro, fotocamera penta e scacco a Google

Effetto Coronavirus sul mercato degli smartphone: Huawei scende

I dettagli più importanti del nuovo Huawei P40 Pro sono trapelati online, qualche settimana prima della rivelazione ufficiale del 26 marzo

Se tutti gli smartphone di punta si appoggiano oggi come oggi alle loro fotocamere, la serie P di Huawei ha sempre avuto dalla sua una dotazione fotografica di alto rango. Il P20 Pro è stato il primo telefono a essere dotato di un trio di obiettivi sul retro e una modalità notturna dedicata lato software, caratteristiche poi diventate comuni altrove. Poi c’è stato il P30 Pro del 2019, il primo telefonino a essere venduto con una teleobiettivo in stile periscopio in grado di offrire uno zoom ottico 5x.

E anche nel 2020, Huawei sta innegabilmente spingendo i confini della fotografia con la prossima ammiraglia meglio conosciuta come la serie P40, di cui il P40 Pro sarà declinazione massima. Slashleaks ha di recente pubblicato quelle che sembrano essere le specifiche presunte della fotocamera del P40 Pro.

Huawei P40 Pro sarà così

Huawei P40 Pro avrà presumibilmente cinque fotocamere sul retro, composte da un sensore primario Sony IMX700 RYYB da 52 megapixel, sensore ultra grandangolare Sony IMX650 RGGB da 40 megapixel, sensore 3x con teleobiettivo, sensore zoom periscopio a doppio prisma ottico 10x e sensore ToF, per la cattura delle informazioni di profondità. La cosa più interessante sono le affermazioni circa cui il dispositivo offrirà uno zoom ottico 10x che, se vero, raddoppierebbe l’ingrandimento della generazione precedente del P30 Pro.

Con uno zoom ottico così grande, ha sicuramente senso che Huawei aggiunga una fotocamera ottica 3x per garantire che la qualità delle foto non degradi nel caso ci si voglia avvicinarsi di più a un soggetto. L’hardware della fotocamera sarà ancora una volta realizzato in co-ingegnerizzazione con la il marchio storico tedesco Leica. Ad oggi, P30 Pro e Mate 30 Pro hanno ancora probabilmente le due migliori fotocamere quando si tratta di illuminare una foto scattata in condizioni di scarsa luminosità, e non vediamo l’ora di provare quelle del P40 Pro, che verrà annunciato il 26 marzo.

Leggi anche:  Qualcomm mira a portare il 5G su telefoni di fascia media con lo Snapdragon 690