L’Italia è il secondo produttore mondiale di energia solare

La European Photovoltaic Industry Association piazza l’Italia al secondo posto per capacità fotovoltaica e al terzo per nuovi sistemi installati

Nel nostro Paese il concetto che il fotovoltaico sia una risorsa più che una spesa è stato ben recepito. Incrociando i dati del rapporto sul solare stilato dal Gestore dei servizi energetici per il 2012 con quelli raccolti dalla European Photovoltaic Industry Association, emerge che l’Italia è al secondo posto nel mondo per capacità fotovoltaica dopo la Germania e terza per numero di nuovi impianti installati. Nel nostro Paese i comuni totalmente green sono 27.

I numeri dell’Italia e il solare

A fine 2012 i 475.851 impianti in esercizio, di cui quelli di piccole dimensioni sono i più efficenti, hanno contribuito al 96% della produzione fotovoltaica nazionale nel 2012 con 16.420 MW (Megawatt) di energia prodotta. Solo la Germania ha fatto meglio con 32.278 MW. In nuovi impianti installati nel nostro Paese sono stati 148.135, che hanno prodotto 3.646 MW di energia aggiuntiva. In questo ambito primeggia ancora la Germania con 7,6 GW di nuovi sistemi collegati, seguita da Cina (5 GW), Italia, Stati Uniti (3,3GW) e Giappone (2 GW).

Il primato del fotovoltaico si sposta a Oriente

L’Europa non è più all’avanguardia nel mercato del fotovoltaico: nel prossimo futuro il primato passerà a nazioni extraeuropee. Nel 2012 sono stati installati il 55% di nuovi impianti, contro il 77% del 2011. Inoltre, il futuro del solare nel Continente si deciderà probabilmente al Parlamento Europeo, dove si deciderà se imporre o meno dazi doganali sui prodotti cinesi. Secondo una previsione pessimistica, il mercato annuale globale nel 2017 si manterrà sui 48GW, mentre con politiche mirate si potrebbero raggiungere 84GW.

Leggi anche:  Brain on Tech: il primo studio basato sulle neuroscienze di Dell Technologies