Murdoch compra Sky Italia e Germania, nasce Sky Europa

BSkyB acquisisce Sky Italia e sky deutschland

BSkyB sta per acquisire Sky Italia e Sky Deutschland per 9,2 miliardi di euro. L’accordo creerà una piattaforma per la pay-tv a livello continentale

Presto il mercato satellitare europeo sarà egemonizzato dal più grande colosso delle pay-TV mai visto nel Vecchio Continente. Il fondatore di BSkyB (British Sky Broadcasting) Rupert Murdoch, che ha lanciato il servizio di streaming Sky Online e possiede il 39% dell’azienda britannica, afferma di aver offerto 7,3 miliardi di sterline, circa 9,2 miliardi di euro, per acquistare Sky Italia e le rimanenti quote di Sky Deutschland.

[blockquote style=”4″]”Questa operazione – ha dichiarato il CEO di BskyB, Jeremy Darroch – creerà una TV a pagamento internazionale, capace di competere a livello globale e che ha spazio per crescere”.[/blockquote]

BSkyB + Sky Italia + Sky Deutschland= Sky Europe

BSkyB per acquisire Sky Italia pagherà 2,45 miliardi di sterline (3 miliardi di euro) più la quota detenuta dal National Geographic Channel alla 21ts Century Fox, azienda controllata sempre da Murdoch che in futuro dovrebbe concentrare maggiormente i suoi sforzi sul mercato americano. Dal 2011 Sky Italia ha perso 200mila clienti ma l’acquisto dei diritti per i campionati di calcio fino al 2018, ma non di quelli della Champions League che sono invece andati a Mediaset, ha favorito l’accordo.

In Germania invece il colosso britannico pagherà 2,9 miliardi di sterline (3,7 miliardi di euro) a Fox per il 57% di Sky Deutschland e offre 6,75 sterline (8,5 euro) per ogni rimanente azione della pay-tv tedesca.

La nuova piattaforma continentale, che potrebbe chiamarsi Sky Europe, potrebbe raggiungere i 20 milioni di abbonati e generare 200 milioni di sterline (250 milioni di euro) l’anno. Prima di poter nascere la nuova piattaforma dovrà comunque ottenere il benestare dell’Antitrust dell’Ue, che sta ha perquisito le sedi di diversi Internet provider e di Megaupload, e dei singoli Paesi membri. Inoltre, pare che anche gli investitori della pay-TV del regno Unito non sembrino poi così convinti che la nuova piattaforma europea possa essere un affare.

Leggi anche:  Buon compleanno Wi-Fi: le tappe più importanti dei primi 20 anni