Facebook si accorda con Warner per la musica

Facebook delude nel terzo trimestre
Facebook nel Q3 2018 vede crescere gli utili ma non l'utenza

Facebook ha stretto un accordo con Warner Music Group che permetterà ai videomaker di utilizzare i brani dell’etichetta senza curarsi del diritto d’autore

Facebook vuole attirare a sé i creatori di contenuti per rendere la sua piattaforma ancora più appetibile per gli utenti. Per questo il social network si sta impegnando per fornire ai videomaker nuovi strumenti che li aiutino nel loro lavoro e in particolare per quanto riguarda l’utilizzo libero della musica. L’azienda di Menlo Park ha quindi stretto accordi con Universal Music Group e Sony per offrire ai creatori di contenuti la possibilità di utilizzare brani di proprietà di queste etichette senza doversi preoccupare del problema del copyright. Oggi Facebook ha stretto un’ulteriore partnership in questo settore con Warner Music Group.

L’accordo stretto con l’etichetta statunitense è sostanzialmente simile a quello firmato con le altre major musical. I videomaker potranno sfruttare gratuitamente i brani degli artisti sotto contratto con Warner per realizzare i propri contenuti da condividere poi su Facebook, Messenger, Instagram e Oculus Rift. Il social network quindi corrisponderà all’etichetta le dovute royalties. Questa mossa consentirà all’azienda di Menlo Park di diventare molto più competitiva nei confronti di YouTube, che gestisce il copyright in modo molto più restrittivo. Facebook, che è stata accusata di aver utilizzato in modo illecito alcuni brevetti di BlackBerry, si è quindi accordata con le più importanti etichette a livello globale ma il suo lavoro non dovrebbe essere finito. Ci sono conferme che il social network intende stringere lo stesso tipo di partnership anche con aziende che si occupano di musica più di nicchia per fornire ai suoi videomaker la più ampia possibilità di scelta.

Leggi anche:  Twitter pensa alla spunta blu per combattere le fake news