Apple sta sviluppando batterie che durano 7 giorni

Apple nuove batterie

Apple e l’azienda britannica Intelligence Energy stanno lavorando per produrre batterie dalla durata molto più lunga di quelle attualmente in commercio

Ormai è risaputo che il punto debole dei prodotti Apple, che ha avuto qualche problema con Siri in Cina, è la durata della batteria. Samsung, che si prepara a lanciare un nuovo smartphone chiamato Galaxy Alpha, ha addirittura basato il suo ultimo spot pubblicitario su questa mancanza di iPhone ed iPad, sottolineando come gli utenti della Mela siano sempre alla ricerca di una presa di corrente. Pare che le cose non cambieranno nemmeno con iPhone 6, di cui sono trapelate nuove immagini che ne svelano altre caratteristiche, ma nel prossimo futuro non è detto che sarà sempre così. Apple e l’azienda del Regno Unito Intelligence Energy, leader nel mercato dell’efficienza energetica, pare stiano sviluppato un nuovo tipo di celle a combustibile dall’incredibile durata per iPhone, iPad e Mac.

Il problema dell’immagazzinamento dell’energia non riguarda comunque solo Apple. Anche il mercato delle fonti rinnovabili sta cercando soluzioni sempre più efficienti e low cost.

Apple punta a batterie che durano 7 giorni

Le nuove batterie sviluppate in tandem da Apple e Intelligence Energy potrebbero risolvere definitivamente i problemi degli utenti della Mela. La partership è rimasta ancora segreta ma pare che l’azienda britannica abbia acquistato diversi brevetti per produrre batterie in cui la conversione di energia chimica in elettrica è più attenta all’ambiente e soprattutto efficiente. Un’ulteriore conferma dei rapporti fra le due aziende arriva da Joe O’Sullivan, ex dirigente di Cupertino e ora COO di Intelligent Energy. Le nuove celle a combustibile potrebbero garantire una durata di addirittura 7 giorni consecutivi.

Leggi anche:  In Germania veicoli completamente autonomi in strade pubbliche dal 2022

Recentemente si vociferava anche di un avvicinamento dell’azienda di Cupertino anche a Tesla Motors di Elon Musk, che il mese scorso ha presentato la navicella per il trasorto degli astronauti verso la Iss Dragon V2. Sembra che la Mela volesse acquisire le nuove tecnologie in materia della conservazione di energia sviluppate a Palo Alto.