E’ italiana la prima mano bionica stampata in 3D

mano bionica dell'Iit stampata in 3D

Inail e Iit hanno presentato il primo prototipo di mano bionica stampata in 3D Made in Italy. La protesi sarà sul mercato dal 2017

L’Italia dimostra ancora un volta di avere le capacità di portare innovazione nel settore della salute. Inail e l’Istituto Italiano di Tecnologia (Iit) hanno presentato il primo prototipo di mano bionica stampata in 3D realizzata totalmente nel nostro Paese. La protesi hitech rientra nel progetto Rehab Technologies e ha ricevuto un finanziamento congiunto di 11,5 milioni di euro. Il dispositivo è in corso di sperimentazione presso il Centro Protesi Inail di Budrio e potrà essere messa sul mercato nel 2017.

La mano bionica sostituisce al meglio gli arti perduti

La mano bionica è composta da parti plastiche realizzate tramite stampa 3D e da pochi componenti metallici. Il dispositivo ha un peso di appena 500 gr e possiede un’elevata elasticità grazie a un tendine artificiale. Il movimento dell’arto meccanico avviene grazie a due sensori che recuperano gli imput nervosi dai muscoli residui senza l’utilizzo di pratiche invasive. Le possibilità della protesi hitech sono state mostrate al pubblico da Marco Zambelli, il primo paziente ad averla testata. La commercializzazione della mano bionica sarà gestita a partire dal 2017 da una startup che farà riferimento all’Iit. L’istituto inoltre ha in cantiere anche altri progetti avveniristici come un esoscheletro per permettere di camminare ai pazienti paraplegici e una piattaforma robotica per la riabilitazione da persone affette da problemi deambulatori.

Leggi anche:  Atari acquisisce il database di videogiochi MobyGames