Procede spedito il piano banda ultralarga

TIM: fibra ottica estesa in altri 263 comuni

Il sottosegretario alle comunicazioni, Antonello Giacomelli, ha confermato che il piano banda ultralarga partirà all’inizio del 2016 grazie a Enel

Nel corso di un evento a Firenze, il sottosegretario alle comunicazioni Antonello Giacomelli ha confermato che il piano banda ultralarga diverrà operativo entro la fine dell’anno, in concomitanza con la sostituzione dei contatori energetici da parte di Enel. L’Ente nazionale per l’energia elettrica è stato scelto dal Governo per la posa della rete di fibra ottica e insieme all’ammodernamento dei contatori, come ha sottolineato più volte l’AD Francesco Starace, procederà a lavorare per la diffusione della banda ultralarga nel Paese.

“Entro l’anno partiremo con la banda ultralarga. –  ha detto Giacomelli – “Il Governo ha forzato per avere la delibera del Cipe che sblocca la disponibilità di 2,2 miliardi che saranno finalizzati alle cosiddette aree a fallimento di mercato. L’esecutivo, ha continuato il sottosegretario, ha lavorato affinché “ci sia sintonia tra la partenza di questo processo e l’intervento annunciato da Enel sui contatori, così da avere sinergie sia per l’abbassamento dei costi che per l’aumento degli obiettivi e arrivare, se non in ogni casa, almeno al building. Abbiamo forzato i tempi per non perdere l’occasione dell’intervento di Enel”. Il piano banda ultralarga prevede lo stanziamento di 7,1 miliardi di euro (5 miliardi dal fondo nazionale per lo sviluppo e la coesione e 2,1 miliardi dall’Ue) entro il 2020, termine stabilito dall’Unione Europea per completare le infrastrutture di Rete.

Leggi anche:  Prysmian finalizza accordo con Vattenfall per il primo parco offshore senza incentivi