Galaxy S9 e S9+ al CES 2018: più di un’indiscrezione

Aumentano le possibilità che la nuova flotta venga anticipata già a gennaio, per lasciar spazio al futuristico Galaxy X

Pochi dubbi sul prossimo arrivo del Galaxy S9 e della declinazione più grande S9+. Qualche incertezza maggiore sulle tempistiche di presentazione e su cosa cambierà rispetto ai modelli attuali. Per quanto riguarda il primo punto, sembra più di un’indiscrezione quella che vorrebbe un lancio ben prima delle ipotesi primaverili, tra marzo e aprile. Pare infatti che Samsung sia pronta a portare i nuovi top di gamma sul palco di Las Vegas, dove subito dopo l’Epifania partirà la rassegna CES 2018. Sarebbe la prima volta che la compagnia coreana sfrutterebbe la kermesse americana per un prodotto di così largo consumo, avendo dedicato le apparizioni precedenti al reparto TV e audio. Eppure la scelta non sarebbe per nulla banale, anzi una logica conseguenza di ciò che ci attenderà nel corso del 2018.

Cosa aspettarsi

Se l’appuntamento post-ferragosto rimane quello con il Note9, a metà anno ci sarà spazio per il tanto famigerato Galaxy X, che dovrebbe dare il via alla sperimentazione flessibile nel mercato mobile.  Di fatto, esteticamente il Galaxy S9 non cambierà molto dall’attuale S8. Le modifiche maggiori ci saranno all’interno, dove tutto girerà intorno allo Snapdragon 845, capace di gestire meglio performance e consumo della batteria e di supportare sezioni dedicate all’Intelligenza Artificiale, come già avviene a bordo del Kirin 970 del Huawei Mate 10 Pro. Il nome in codice di S9 e S9+ è Star 1 e Star 2 con numeri di serie SM-G960 e SM-G965, con l’unica differenza di un taglio di display più ampio sul secondo. Per il resto stessa RAM, 6 GB, stessa memoria di storage, 64 GB, stessa dotazione di accessori, tra cui un paio di auricolari AKG, brand acquisito prima del lancio di S8, presenti già nella confezione di S8.

Leggi anche:  iPhone 13, emergono i primi leak: fotocamera più grande