Android non smette di crescere

Android continua a crescere

Android è utilizzato sull’83,6% dei device, in aumento del 2,2% rispetto allo stesso periodo del 2013. iOS e Windows non possono competere

Android non teme rivali. Il sistema operativo di Google, il cui fondatore Andy Rubin ha deciso di lasciare Mountain View, continua a guadagnare quote di mercato e i rivali iOS e Windows Phone, che con l’avvento della piattaforma unificata sarà chiamato semplicemente Windows, non possono certamente competere. L’elevato numero di device che sfruttano Android è la causa principale di questo trend positivo. Apple invece continua a proporre solamente prodotti di fascia alta (iPhone 6 e iPad Air 2) e ciò limita le sue possibilità di espansione.

Android raggiunge l’83,6% di utenti

Dai dati di Strategy Analytics è emerso che nell’ultimo trimestre Android è utilizzato sull’83,6% dei 350 milioni device venduti, in crescita del 2,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno passato. iOS scende dal 13,4% al 12,2% mentre il sistema operativo di Microsoft, che ha lanciato il suo braccialetto SMART per il fitness Band, perde lo 0,8% e si attesta al 3,3%. BlackBerry, che si poteva essere acquisita da Lenovo come è successo con Motorola, cala dall’1% allo 0,7%. Anche dal punto di vista delle app Android continua a crescere. Il numero di download da Google Play è maggiore di quello di App Store, che continua però a generare maggiore profitto.

“La leadership di Android nel mercato globale degli smartphone sembra imbattibile in questo momento. I suoi servizi low-cost e i software di facile utilizzo continuano a essere attraenti per i costruttori di hardware, gli operatori e i consumatori di tutto il mondo”, ha spiegato Neil Mawston, direttore di Strategy Analytics”. Il sistema operativo di Google, la cui versione Lollipop 5.0 sta pian piano diventando disponibile per diversi device, sta comunque registrando delle future difficoltà. L’OS di Mountain View è utilizzato da centinaia di diversi marchi hardware, cosa che spinge i produttori ad abbassarne il prezzo. Al momento, secondo la società di analisi, sono pochissimi i vendor che producono profitti dai dispositivi Android.

Leggi anche:  ESG: imperativo di business o esercizio di stile?